SEO Audit, come farla e come capire se il tuo sito ha problemi?

Quando si comincia un lavoro su un sito, la prima cosa da fare è il cosiddetto SEO Audit. Praticamente, si tratta di analizzare se il portale è ottimizzato per poter essere ben posizionato sui motori di ricerca.

Un lavoro che non va preso sotto gamba, anzi. Ma che presenta diverse difficoltà. Anche perché gli aspetti da analizzare sono davvero tanti. Eccone alcuni.

Controlla la velocità

La velocità è il primo fattore di posizionamento su Google. Meglio essere chiari dal principio: una SEO Audit che non prevede un test di velocità non è una vera e propria SEO Audit ma è altro. È una cosa raffazzonata fatta lì giusto per fare il compitino. 

Quindi, è necessario analizzare quanto il sito è veloce attraverso degli strumenti ad hoc. No, non vale semplicemente digitare l’URL nella barra di ricerca e poi andare a occhio per capire se è veloce oppure no.

Ci sono una serie di variabili da considerare che, poi, alla lunga, incidono parecchio sulla velocità. Di riflesso, quindi, anche sul posizionamento. 

Vedi se i testi sono copiati

A Google non piacciono neppure i testi copiati. Certo, essendo un algoritmo probabilmente può capitare che un sito con testi copiati abbia un posizionamento migliore del tuo che, magari, hai scritto di tuo pugno gli articoli.

Però, alla lunga, la regola generale è quella di scrivere testi originali affinché, comunque, tu possa tenere testa ai tuoi competitor.

Non a caso, spulciando il web, ci sono siti che controllano qualora un testo sia stato copiato (e anche da chi).

Una misura per tutelarti se dovesse succedere l’opposto. Cioè che un tuo competitor dovesse copiare il tuo testo e, quindi, provare a scavalcarti con il minimo sforzo.

Dai un check a immagini e meta tag

Chiudiamo con un altro aspetto molto importante. Non è l’unico né l’ultimo, ovviamente. Stiamo parlando delle immagini e dei meta tag. Per questi ultimi, intendiamo il meta tag title (quello che è in blu su Google) e la meta description (cioè le due righe in basso sotto il meta title).

I title e le meta description devono avere una lunghezza ben definita e rispettare certi criteri, come ad esempio avere al loro interno la parola chiave per cui tu ti vuoi posizionare.

Per quanto riguarda le immagini, non devono essere pesanti, devono essere però rinominate e va inserito il tag Alt.

Questo processo va fatto per ogni singola immagine e, quindi, tu dovrai ripetere l’operazione un po’ di volte. 

Anche in questo caso, ci sono tool che consentono la possibilità di scansionare completamente il portale e capire su quali immagini sia necessario lavorare.

Un risparmio notevole di tempo che, però, non tutti possono permettersi. Soprattutto se non si hanno le conoscenze e gli strumenti. Però, non allarmarti che la soluzione c’è. 

Se hai bisogno di fare una SEO Audit, ma non sai come procedere, allora puoi richiedere un preventivo ad un SEO per capire quanto potrebbe costarti. 

Pubblicato
Etichettato come News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.